sabato 12 novembre 2011

LA BORSETTA DELLA SIRENA (libri per incantare)


DI POESIA CHE BALZA E CHE S'IMPENNA 
 
NON C'E' NAVE CHE POSSA COME UN LIBRO, Emily Dickinson
Motta Junior, 2011

POESIA per MEDI e GRANDI (dagli 8 anni)

Un libro di poesia va lasciato parlare.
Vi regalo le mie preferite:


Non c'è nave che possa come un libro
portarci nelle terre più lontane,
non c'è corsiere pari ad una pagina
di poesia che balza e che s'impenna.
Questo viaggio può farlo il miserabile
senza l'oppressione del pedaggio:
è assai frugale il carro
che trasporta l'anima dell'uomo.



L'acqua s'impara dalla sete.
La terra, dai mari attraversati.
L'estasi, dallo spasimo.
La guerra ci parla di pace.
La memoria, dell'amore.
La neve, degli uccelli.















Quando la notte è quasi terminata
e l'alba è tanto vicina
che possiamo toccare gli spazi -
è ora di lisciarsi i capelli

e preparare le fossette nelle guance -
e stupirsi di essere stati in pena
per quella vecchia, svanita mezzanotte -
che ci atterrì soltanto per un'ora.













Crescono inosservate le montagne,
le loro forme purpuree s'innalzano
senza sforzo, senza spossatezza,
e non ricevono soccorso o applausi.

Il sole deliziandosi innocente,
con i suoi lunghi estremi raggi d'oro,
va cercando nei loro volti eterni
compagnia per la notte che viene.








Muore la parola
appena è pronunciata:
così qualcuno dice.
io invece dico
che comincia a vivere
proprio in quel momento.













Piangere è una cosa tanto piccola -
sospirare è una cosa tanto breve -
ma è di occupazioni di tal genere
che noi uomini e donne moriamo!











Tenevo un gioiello fra le dita
e me ne andai a dormire.
Era caldo il giorno, noioso il vento.
Dissi 'Si conserverà'.
Al risveglio non c'era più il gioiello.
Rimproverai le dita innocenti.
E adesso, una memoria di ametista
è tutto quel che ho.


Sottovoce vorrei dirvi  che sono poche poche in Italia le case editrici che pubblicano con assiduità di poesia (Orecchio Acerbo, Topipittori, Einaudi ragazzi con i Pesci d'argento). Evviva allora per questa nuova collana di Motta Junior!

Carla

4 commenti:

  1. Mi permetto di aggiungere solo una nota sulle illustrazioni di Brunella Baldi: mai eccessive, discrete, poetiche; una narrazione per immagini che non prevarica il testo ma lo accompagna. vorrei poi ringraziare le curatrici del blog per l'attenta cernita e proposta di un'accurata selezione tra le numerose novità pubblicate. Grazie!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione: i disegni di Brunella Baldi sono poetici e discreti, in perfetta armonia con i testi della Dickinson. Non li ho commentati per la stessa ragione per cui non ho commentato le poesia: per non far troppo 'rumore' intorno.
    Brunella Baldi ha illustrato un libro Lapis e tra pochi giorni gli dedicherò un post e potremmo ragionare su di lei con maggior agio.
    Grazie a te, a nome anche delle altre che scrivono con me, per il solo fatto che ci segui. Come faccio con tutti i visitatori-commentatori, chiedo anche a te di spargere in giro la notizia della nostra esistenza. Siamo piccoli, ma determinati a crescere!
    carla

    RispondiElimina
  3. Come ideatrice e curatrice della collana vi ringrazio per i commenti e mi accodo agli elogi fatti a Brunella, che li merita tutti. Ho pensato a lei per illustrare la Dickinson (cosa difficilissima) perché ha la maturità, la sensibilità e il cuore giusti. Non è da tutti...
    Guardate anche l'altro volume uscito RIMOSAURI, illustrato da Francesco Chiacchio, coi testi di Chicco Gallus: curiosa di sapere che cosa ne pensate.
    Teresa

    RispondiElimina
  4. cara teresa, ti ringrazio personalmente per aver avuto un giorno voglia di pubblicare libri di poesia. E' cosa davvero rara. Per me che, per mestiere, ho scelto di promuovere la lettura e la letteratura di qualità con bambini e ragazzi è una dolorosa mancanza. Per questa ragione, sarebbe così bello se potessi tenermi informata delle nuove uscite della collana, o inviandomi una scheda del libro o, meglio ancora, se non è troppo, il libro stesso. Credo di aver lasciato in secondo piano i Rimosauri, per un istinto di naturale uggia che provo nei confronti dei dinosauri, ma ti prometto che torno allo scaffale e lo guardo.
    carla

    RispondiElimina