martedì 1 novembre 2011


SCHELETRI FONDENTI SI ABBRACCIAN DELIZIATI

Sopraffatta da scheletri ghignanti e da teschi dagli occhi luminosi a intermittenza, collocati in ogni angolo della città, provo a immaginare un mondo sotterraneo diverso....

COCCOLE DI SCHELETRI

Scheletri abbracciati si rannicchiano teneri
teschio su teschio in un letto di ceneri.
Un verme striscia dentro il naso del primo. risbuca dal piede dell'altro, vicino.
Tienimi stretto con le tue bianche ossa.

Scheletri rannicchiati si abbraccian le ossa
senza che l'uno sentir l'altro possa.
Le lingue son pappa, le orecchie spiragli
chi canta la nenia che ammalia e fruscia
Ti terrò stretto con le mie bianche ossa?

Scheletri abbracciati fondon mascelle,
coccigi, femori, gomiti, ascelle,
tibie, fibule, dorsi, rotule.
Questa è la mia, quella la tua costola.
Tienimi stretto con le tue bianche ossa.

Scheletri fondenti si abbracciano deliziati
di raschio di ginocchi tra loro strusciati.
Mano nella mano, ghignano nel fango,
le pallide dita, bacchette magiche lunghe.
Ti terrò stretto con le mie bianche ossa.

Scheletri abbracciati si rannicchiano teneri
nei teschi vuoti filano ragni celeri.
Una bambina porta fiori schivi
alla lapide sopra, nelle ore dei vivi.
Tienimi stretto con le tue bianche ossa

Ti terrò stretto con le mie bianche ossa.

(Carol Ann Duffy, La giovane più vecchia del mondo, Einaudi Ragazzi 2001)

Dedico a questi affettuosi e appassionati amanti una ricetta di biscotti, che tradizionalmente si regalano a Pasqua...mi pare che possa essere di buon auspicio, no?

INGREDIENTI

Per l'impasto:
150 gr di farina bianca 00
1 cucchiaino di lievito in polvere
15 gr di cacao amaro in polvere
50 gr di zucchero di canna
65 gr di burro freddo tagliato a cubetti
45 gr di miele liquido
1 cucchiaino di acqua

Per la decorazione:
100 gr di cioccolato bianco tritato
30 gr di mandorle tritate
30 gr pistacchi tritati
30 gr di mirtilli rossi essiccati e tritati

Mettete tutti gli ingredienti dell'impasto nel mixer, ad eccezione dell'acqua e fateli frullare a impulsi in modo che si crei un impasto sabbioso. Quindi aggiungete l'acqua e impastate fino a che non si ottiene una palla omogenea.

Lasciate riposare la suddetta palla per una mezz'ora in frigo, quindi su una superficie leggermente infarinata, spianatela con il matterello fino a ottenere uno spessore di mezzo centimetro. Con un taglia pasta o semplicemente con un bicchiere ritagliate tanti cerchi e metteteli in bell'ordine a cuocere nella leccarda del forno che avrete scaldato a 170°. Fateli cuocere per 20 minuti al massimo e poi lasciateli raffreddare.


Nel frattempo preparate la decorazione sciogliendo a bagno maria il cioccolato bianco. Quindi spennellate la parte superiore dei biscotti e poi sfarinateci ancora sopra la graniglia di pistacchi, mandorle e mirtilli. Con le dita premete leggermente in modo che penetri quel poco necessario a fissarla nel cioccolato ancora morbido. Se resistete, metteteli per un po' al fresco, ma poi mangiateveli rapidamente perché sulla terra siamo solo di passaggio...



Carla

2 commenti:

  1. commento sfasato di 5 ore:
    stavo appunto pensando ora che ho finito di pranzare:"mi ci vorrebbe proprio un dolcino".
    stavo appunto pensando ora che ho finito di pranzare:" che tonna, avrei dovuto trafugare un paio di biscotti"

    phi

    RispondiElimina
  2. e pensa che quelli fatti e rimasti a casa erano stati pensati e prodotti tutti per te...mt

    RispondiElimina