martedì 22 maggio 2012

LA BORSETTA DELLA SIRENA (libri per incantare)


SEGNO E DISEGNO

OGGI MI SENTO COSÌ, Alessandro Sanna
Emme edizioni, 2012

ILLUSTRATI PER PICCOLISSIMI (dai 2 anni)


Alessandro Sanna mi colpisce sempre. Non riesco mai ad essere indifferente di fronte ai suoi disegni. A guardarli scopro ogni volta qualcosa di non dichiaratamente detto, ma che è lì a fare comunque mostra di sè.
Pur essendo il suo un segno sempre molto evocativo, decisamente poco descrittivo, Sanna è un autore 'perfetto' per i piccolissimi.
E' curioso perché nei vari corsi di formazione che ho fatto, avevo imparato che per i più piccoli occorre un tipo di illustrazione che sia poco evocativa, che sia invece 'fotografica' (non a caso sarebbe bello poter offrire ai nostri piccolissimi bambini italiani i libri fotografici di Tana Hoban che invece imperversano tra i bambini transalpini...), in sostanza un' immagine che li riporti immediatamente all'identificazione dell'oggetto raffigurato. E in questo la fotografia è quanto di meglio si possa loro offrire.
Ma allora Sanna? Lui è lontano anni luce da una fotografia. Allora i suoi disegni non vanno bene, con tutti quei suoi baffi di colore, con quelle macchie di acquerello, con quei segni che alludono solo all'essenza degli oggetti...


E invece i libri di Alessandro Sanna, continuo a pensarlo, sono perfetti. Questo lo penso perché anche i bambini piccoli a ben vedere si muovono per rapidi segni nel loro esprimersi attraverso il (di)segno. Un cerchio un po' sbilenco è un volto, la bocca è un taglio.
Nel caso di Sanna, io non so dire quanto conti la storia personale di ogni autore per la creazione delle loro illustrazioni, ma mi piace pensare che questo suo ormai frequente rivolgersi a un pubblico di piccolissimi sia dovuto al suo desiderio di 'progettare' libri che piaceranno alla sua piccola figlia.


In questo libretto però si annida anche un mio personale Amarcord, ovvero il primo percorso di lettura della mia ormai lunghetta carriera di lettrice, si intitolava proprio così: Oggi mi sento così e ronzava intorno alle grandi emozioni dei piccoli di una scuola materna.
Il grande sorriso che si diffonde in copertina è irresistibile, come pure un orecchio formatosi da una volpe accuciata, o il profilo di una mano che diventa le piume di una coda fiera di un volatile.
Di questi cartonati, pensati per minuscole mani, avevamo già visto altri titoli, come La Mamma, Cucù tutti inseriti nella collana Ullallà.
Adesso questa seconda serie vede nuovamente 4 o 5 titoli, di cui apprezzabili a mio avviso, accanto a Oggi mi sento così, La formica della buona notte e Abbracciami. La formica della buona notte è una delicata passeggiata della formica sul corpo del bambino, pronta per andarsi a coricare nel confortevole buchino dell'ombelico. Sembra un rifugio perfetto! 

Il terzo titolo è composto da un repertorio di abbracci tra animali, veri e propri incastri affettuosi, alcuni decisamente insoliti, forse grandi e cuccioli oppure più verosimilmente innamorati tra loro. Che cosa cambia? Un abbraccio è sempre bello da guardare.



Carla

5 commenti:

  1. Anch'io lo adoro... e infatti mi dedicherò ad una ricerca sul suo lavoro (appena Pulcetta me ne darà il tempo!) per concludere il mio percorso di formazione. Fra l'altro è una persona gradevolissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre aspetti, sottoponi a Pulcetta questi libri Emme illustrati da Alessandro e facci sapere che ne pensa
      carla

      Elimina
  2. io l'ho visto in fiera a Bologna...e mi sono pure fatta autografare il calendario.
    per me, che adoro le sue ilustrazioni di Lupo Sabbioso, il non plus ultra!
    anto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato che in pochi abbiano visto la sua mostra a roma. Era davvero emozionante.
      carla

      Elimina