martedì 31 luglio 2012

LA BORSETTA DELLA SIRENA (libri per incantare)


IL SIGNOR L E IL SIGNOR G

IL SEGRETO DEL SIGNOR L., Cosetta Zanotti, Marina Marcolin
Lapis edizioni, 2012


ILLUSTRATI PER MEDI (dai 6 anni)

"Da dietro la vetrina osservava il via vai caotico dei passanti che percorrevano le vie del quartiere e si convinceva sempre più che distribuendo un po' di allegria e gentilezza dal bancone del suo negozio avrebbe potuto abbellire il mondo. Certamente non tutto, ma quella piccola parte che gli stava intorno."

Il signor L. si chiama Luigi e ha un negozio che si chiama Paradiso dei pescatori, un negozio pieno di esche per pescare: il miglior negozio di esche della città. Ne ha di ogni tipo da grandi a minuscole, da fluorescenti e profumate. Fanno bella mostra di sé tra canne e mulinelli.


Al signor L. piace fare le cose con calma e nel suo retrobottega lega gli ami e olia i meccanismi, accanto al grande frigorifero rosso che, pieno di sportelli, contiene moltissime scatole diverse con gli insetti addormentati che poi un giorno diventeranno appetitose esche per i pesci: larve di farfalle azzurre, bruchi colorati, piccole cavallette e mosche appena nate.
Un giorno d'estate il signor L decise che era arrivato il suo turno di pesca e, armata la canna, parte. Ma lo sportello del grande frigorifero rimane aperto e lentamente tutti gli insetti addormentati si svegliano si stiracchiano, si allungano e finalmente prendono la strada della libertà.


Il lunedì al suo ritorno, all'apertura della porta un colorato sciame lo accoglie, esce e vola via. Tutti lo vedono e sorridono. Che importa se ora il signor L non ha più neanche un'esca da vendere, valeva la pena dar loro la libertà, generare il sorriso negli altri...e quindi d'ora in poi, solo esce di plastica!

Piccola storia sfumata di un mondo marginale, quello dei venditori di canne da pesca. Una storia fatta di colori tenui, dai toni di voce bassi. Una storia che pur piccola racconta valori umani condivisibili: la gentilezza come chiave di comunicazione con gli altri, la libertà data a chi è nato per esserlo (e chi non lo è?), la lentezza come valore, la consapevolezza e la volontà di poter fare del bene nel proprio piccolo.
Sia nelle parole di Cosetta Zanotti sia nelle immagini di Marina Marcolin si ritrova un mondo piccolo fatto di gesti piccoli, con un ritmo di altri tempi.
Il negozio del signor L è esso stesso un mondo a sé, fatto di chiacchiere di pescatori, di bambini interessati, di gesti lenti ma precisi...


Il segreto del signor L è un libro in cui i personaggi stanno spesso con il naso per aria a guardare il cielo, nonostante la storia ruoti intorno ai pesci ....
Perfetti i disegni pieni di atmosfere soffuse e nello stesso tempo pieni di informazioni con cui Marina Marcolin non smentisce mai il suo talento. Bella e raffinata anche la copertina.
Io lo ricordo, il negozio della mia infanzia: era una vecchia cartoleria piena a dismisura che avevo il permesso di raggiungere da sola (nessuna strada da attraversare) e non era il signor L ma il signor G ad accogliermi ogni volta con storie diverse e meravigliose novità tra matite e quaderni.

Carla

1 commento: