lunedì 23 giugno 2014

LA BORSETTA DELLA SIRENA (libri per incantare)


SPENSIERATEZZA E PENSIERI

Cuori di waffel, Maria Parr, Bo Gaustad
Beisler 2014

NARRATIVA PER MEDI (dagli 8 anni)

"Capitano tante cose strane quando si ha per vicina di casa e migliore amica una come Lena, ma certe volte penso che quelli che mi piacciono di più sono i giorni normali. I giorni in cui non succede niente di speciale, in cui mangio pane e prosciutto, in cui Lena e io giochiamo a calcio o andiamo a cercare granchi e parliamo delle solite cose, senza che capitino incidenti."

A Trille, quello, per esempio, sembrava un giorno normale, ma poi era arrivata Minda, sua sorella maggiore e aveva raccontato a lui e a Lena perché Martinfranta, il loro villaggio, avesse quello strano nome; una storia di pirati e di una polena, La bella Marta sontuosamente abbigliata, che si era infranta sulla costa per una terribile tempesta. Finita in mille pezzi la nave, i pirati decisero di fermarsi in quella baia, che da quel giorno si chiamò Martinfranta. A questo punto, il passo è breve a voler dimostrare che Trille ha sangue pirata nelle vene...
E così anche quella che sembrava una giornata normale si trasformò in un'avventura. Trille prese il canotto e Lena, indossato il miglior vestito di sua madre, fece la polena. E come nella leggenda, anche lei si infranse sul pilone di cemento del molo...


Attaccarsi a una improbabile teleferica, sfidare più volte le fiamme, buttarsi con il bob a rotta di collo dal colle, queste sono alcune delle mirabolanti idee di Lena. E Trille, solo di poco più prudente, è sempre lì con lei: la segue, la guarda, la protegge, la capisce, la rimpiange. Anche se lei non glielo ha mai confessato, lui è il suo miglior amico e lei è di certo il suo primo pensiero ogni mattina, soprattutto quando vengono separati l'uno dall'altra.
Due monelli scandinavi, perfettamente nel solco di Emil e Pippi, Trille e Lena sono l'incarnazione dell'infanzia fatta nel contempo di spensieratezza e di grandi pensieri. Accanto a loro, ruota un intero mondo fatto di un nonno-custode su cui contare e che, perfettamente nella parte di nonno, li asseconda, li favorisce e li 'protegge' dall'autorità costituita di mamme e papà; due famiglie, che spesso e volentieri diventano una sola, con massima gioia dei due ragazzini inseparabili; una campagna, quella norvegese, fatta di fiordi e colline ripide, abitate qua e là da vecchi contadini e vecchi cavalli; e dulcis in fundo, è proprio il caso di dirlo, una dolcissima vecchina, la nonna-zia, grande narratrice di storie e da sempre addetta alla cura della felicità gastronomica di tutti, con i suoi waffel a forma di cuore.
Ecco, i waffel a cuore possono essere la 'bandiera' di questo libro. Come loro, la storia è impastata con sapienza e ciò che ne risulta è qualcosa di 'tenero e gustoso'.
Gustoso, che fa tanto ridere, nei suoi aspetti più avventurosi, ovvero nelle continue e sorprendenti pensate di quei due ragazzini oppure nelle soluzioni altrettanto inaspettate del nonno-custode. 


Tenero, che fa altrettanto commuovere, lo è nella purezza e alla autenticità del pensiero di quei due bambini alle prese con la vita. Alludo, per esempio, alla loro amicizia fatta delle rasposità di Lena e della devozione di Trille, oppure all'insopprimibile desiderio di Lena di avere anche lei un papà, o alla malinconia per la morte della nonna-zia da parte di Trille. Ma si potrebbe ben continuare.
Un libro sulla vera bellezza che c'è nell'essere 'piccoletti'.
Beisler, con le sue forze, sta facendo un gran lavoro di ricerca nella letteratura d'Oltralpe, storicamente serbatoio di buone storie. E facendolo, con così buoni esiti, contribuisce a colmare il 'buco' editoriale di nuove proposte, da mettere i mano a quei bambini e a quei ragazzi che non sono più 'piccoli' grandi lettori e non ancora 'grandi' grandi lettori.
Aspettiamo il seguito: ho studiato e so che esiste.

Carla

Noterella al margine. Sabato pubblicherò la ricetta dei miei waffel.
Resistete fino ad allora!

2 commenti:

  1. L'abbiamo terminato ieri sera (letto ad alta voce a mia figlia 8enne) e ci è piaciuto molto. Un libro divertente ma profondo, che racconta di amicizia, di vecchiaia, di famiglia, di dolori, di divertimenti. La piccoletta (Lena) ricorda un pò Pippicalzelunghe. Grazie per i bei consigli di lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evviva! ora leggete Flora e Ulisse qui il link http://letturacandita.blogspot.it/2015/10/la-borsetta-della-sirena-libri-per_23.html

      Elimina