sabato 18 luglio 2015

QUESTI FANTASMI!

Prima di ricordarmi che nella libreria della camera da letto alberga una copia Einaudi de I capolavori di Eduardo, ho cercato in rete il testo teatrale da Questi fantasmi!, in particolare la scena sul balcone e la ricetta per fare un buon caffè.
Professo', è passato...
Spigolando tra le molte citazioni di quel magnifico pezzo di teatro mi sono imbattuta in un libro che si intitola Cucina napoletana - Ricette raccontate. Scorrendo velocemente, il mio occhio è caduto su una ricetta intitolata Spuma di caffè. Immediata l'associazione con uno dei miei alimenti di culto da maggio a settembre: la crema caffè degli autogrill. Fosse per me, la mangerei tutto l'anno, ma la gestione Autogrill ha deciso che esso è cibo solo estivo e quindi a un certo punto lo fa sparire dalla circolazione.
Soffro, non condivido, ma mi adeguo.
Tanto ne sono ghiotta che, in stagione, appena varco il tornello di accesso della stazione di ristoro, il mio occhio va subito a scrutare al di là delle spalle del personale al banco, per controllare se la macchina gira-crema caffè ci sia e se sia in funzione o debitamente riempita. Tristemente mi è capitato di trovarla in fase di preparazione, in fase di pulitura della macchina ed è stato un vero dolore. Supplico sempre i/le baristi/e di essere generosi/e nel gesto di spillarla dalla macchina, in modo da riceverne qualche cucchiaino in più del dovuto.
Ho fatto anche una statistica di prezzi/quantità e una graduatoria di qualità: vince su tutte quella che ti danno a Castel Porziano al cancello 8, il Bud Beach, con la lussuosa cannuccia corta nera.
In ogni caso, comunque, la mia soddisfazione è solo estiva.
Da oggi, non più.
Quella che nel suddetto libro è detta Spuma di caffè altro non è che la crema caffè, sotto pseudonimo.



Ingredienti
(per 8/10 tazzine)
15 cucchiai di caffè forte
340 panna
6 cucchiai di latte
100 gr di zucchero

(per 4/5 tazzine)
10 cucchiai di caffè
200 ml panna
4 cucchiai di latte
60 gr di zucchero

Fate un caffè fortissimo, molto carico, e tenetene da parte il numero di cucchiai necessari e fateli freddare bene. Nel frattempo fate scaldare il latte con lo zucchero e fatelo bollire per 1 minuto e mezzo, in modo che diventi una sorta di sciroppo. Quando anche questo è freddo aggiungete i cucchiai di caffè e mettete il tutto in una ciotola che possa andare in frezeer. Lasciate freddare per un'ora. Quando è ben fredda tiratela fuori e aggiungete la panna che avrete debitamente montato. Rimettete tutto in freezer e ogni tanto andate lì e rimestatela (come farebbe la macchina degli autogrill). Dopo 3 ore la crema caffè avrà raggiunto la giusta consistenza. Se smettete di rimestarla e la lasciate in freezer, avrete un ottima coppa del nonno fatta in casa (altra mia grande passione dell'infanzia).
Consiglio: preparatevi la crema caffè, poi sedetevi in pace da qualche parte e godetevi Eduardo...






Carla

4 commenti:

  1. Avevo scritto un commento, ma mi sa che è sparito nell'iperspazio, quindi riscrivo:la crema caffè te la rubo proprio! Grazie di esistere e buona estate,
    Monica

    RispondiElimina
  2. fai bene! ATTENZIONE, però, se sei una compulsiva come me, potrebbe crearti dipendenza...

    RispondiElimina
  3. Grazie per la ricetta. Fatta ieri con i figli. Al momento di servirla abbiamo aggiunto, a ogni porzione, un paio di cucchiaini di pasta di nocciole e della granella di nocciola. Sublime. Sento che stasera un salto alla coop per recuperare dell'altra panna lo devo fare...

    RispondiElimina