giovedì 16 aprile 2015

FUORI DAL GUSCIO (libri giovani ce cresceranno)


CERCA&TROVA

Nel mio costante divagare, questa volta mi avventuro fra quei libri raramente presi in considerazione e che appartengono alla vasta categoria dei libri-gioco: sto parlando dei cosiddetti cerca-trova, tipologia di libri che sta vivendo una riscoperta e una riproposizione, già partita anni fa con la ristampa dei libri di Wally.


I cerca-trova sono costituiti da pagine illustrate con disegni più o meno caotici e densi di dettagli, a seconda dell'età del lettore; in queste tavole sommerse di figurine grandi e piccole bisogna individuare l'intruso o la coppia di figure uguali o un certo personaggio ricorrente. Sono indiscutibilmente dei libri passatempo, come i libri dei labirinti o simili, tesi a sviluppare lo spirito d'osservazione e l'innata meticolosità di tanti bambini e bambine. Quando gli adulti si spaventano di fronte a queste pagine fitte fitte, ricordo loro come i bambini amino 'perdere tempo' nell'analisi minuziosa ed efficace delle immagini.
Come esempio, vi sottopongo due titoli di recente uscita, molto diversi fra loro, ma con la stessa struttura logica.

 




















Il primo si dichiara per quel che è già dal titolo: Cerca & Trova la Natura nei 12 mesi dell'anno, di Kerstin Zabransky, pubblicato da Clavis, che già propone questa impostazione anche nei libri per più piccoli di Mack e van Genechten. Nel nostro Cerca & Trova abbiamo sempre la stessa 'porzione di mondo', rappresentata nei dodici mesi dell'anno, e in ogni tavola il bambino o la bambina che sfoglia il libro è invitato a trovare personaggi e dettagli presenti nell'illustrazione, spunto ulteriore di descrizione di animali, stagioni, attività umane connesse al fluire del tempo. Più articolato dei libri che citavo sopra, è comunque un libro per piccoli, che trova i suoi lettori ideali fra i 4 e i 5 anni.


Approccio diverso, e direi classico, per Aguzza la vista, pubblicato da Usborne, fra i tanti che questa casa editrice britannica propone in questa tipologia. Qui infatti abbiamo il consueto affollamento delle pagine con tanti soggetti simili, fra cui individuare il dettaglio diverso o l'azione. Come dicevo sopra, si può arrivare a tavole densissime di personaggi e di riferimenti; qui la struttura è piuttosto semplice, pagine cartonate, insomma un libro adatto a bambini della scuola materna.
Le varianti su questi temi sono infinite e si sono cimentati in questo ambito, con bei risultati, diversi editori.


Che siano graficamente ben pensati, curati nell'impaginazione enella grafica, divertenti, stimolanti è importante proprio per quella dimestichezza con le belle immagini che vorremmo nutrisse gli occhi e le menti di bambine e bambini. Sarebbe una gran cosa poter archiviare tante tristi produzioni che nell'ambito dei libri gioco si sono distinte soprattutto per l'uso e l'abuso di colori glitterati.
Ma forse questo è chiedere troppo.

Eleonora

“Cerca & Trova la Natura nei 12 mesi dell'anno”, K. Zabransky, Clavis 2015
“Aguzza la vista”, Usborne Italia 2015



1 commento:

  1. tra i libri gioco che si basano sul principio di trovare un particolare all'interno di una pagina disegnata come una texture forse va ricordato il bel libro di Britta Teckentrup, Uno come nessuno, Gallucci 2014

    RispondiElimina