venerdì 9 marzo 2012

LA BORSETTA DELLA SIRENA (libri per incantare)


L'OMBRELLO GIALLO, Joel Franz Rosell, Giulia Frances

ILLUSTRATI PER MEDI (dai 6 anni)

"A quei tempi tutti gli ombrelli erano neri, marroni o, tutt'al più, blu di Prussia o verde scuro. Così quando nella bottega saltò fuori quell'ombrello giallo, tutti quanti rimasero di stucco. Un ombrello di un colore simile non era previsto né nei piani, né nei cataloghi, né negli ordini."

Tra mille ombrelli neri, o tutt'al più marroni, blu o verdi, quell'ombrello giallo spiccava un bel po'. Quell'operaio, stanco del suo solito tran tran stecche-impugnatura-fodera stecche-impugnatura-fodera, decise di dare un colpetto alla levetta del colore: giallo pulcino. E così uscì fuori, dopo una lunga serie di ombrelli neri, un unico ombrello giallo, giallo come un girasole giallo. E poi tutto ricominciò come prima: ombrelli neri, ombrelli neri, ombrelli neri.
Il responsabile del controllo qualità sbraitò un bel po', ma alla fine fu costretto ad infilare l'ombrello anomalo in un fodero regolamentare, nero anche quello.


L'ombrello giallo era nato da un colpo di fantasia dell'operaio che pensava che giallo, il colore del sole, sarebbe stato molto bene in mezzo al grigio, sotto la pioggia. E questo bel pensiero segnò la vocazione di quell'ombrello che per tutta la sua vita non smise mai di crederci. Ma giallo in un mondo di grigi, non fa fortuna e così finì in una vetrina stantia di un grande magazzino, tra oggetti in disarmo. 


Ma arrivò il giorno in cui un ometto basso, con il nasone e capelli stopposi, lo volle acquistare a tutti i costi. Sebbene non fece mai il parapioggia sotto un cielo grigio, tuttavia trovò un suo posto nel mondo ed il suo sogno di rischiarare tra tanti colori tetri continuò a scaldargli il cuore, a tal punto che, seppure non sotto la pioggia, riuscì a rischiarare comunque gli animi di tutti quelli che lo videro ondeggiare tra le mani di un pagliaccio sotto un grande tendone da circo...
Così va la vita. Non sempre il sogno si realizza appieno. Sta a noi cercare di dare un senso alle cose che ci capitano. Sta a noi non perdere la fiducia nel sogno e sta a noi saperlo comunicare agli altri. Sta a noi fare della nostra diversità una forza. Ed è esattamente quello che capitò all'ombrello. Avvolto dalla grande protagonista della storia che è l'alienazione, dopo la solitudine e l'attesa chiuso in una vetrina, l'ombrello protagonista non riuscì mai ad essere fino in fondo quello per cui si sentiva portato, non sentì mai il ticchettio della pioggia sulle sue stecche tirate e sulla sua tela tesa, ma riusci ugualmente a sembrare un sole giallo per la gente che, andando al circo, voleva dimenticare per un paio d'ore il gran grigiore della città estranea.

Realizzato all'interno del corso Ars in fabula che ogni anno 'sforna' un buon numero di talenti (penso per esempio all'esordiente Claudia Palmarucci che ha illustrato già La rosa e di recente I musicanti di Brema, Orecchio acerbo 2012), questo libro costruito su un racconto del famoso scrittore cubano, è fatto di colori ed atmosfere. Un grigio che conosce molte sfumature, che crea una patina su ogni altro colore sottostante, un grigio imperante che ha il compito di creare, per l'appunto, un'atmosfera opaca, che pervade ogni angolo di quella città ed è in grado di infiltrarsi anche sotto il tendone del piccolo circo. A ben guardare, lo stesso giallo dell'ombrello giallo, che dovrebbe essere il protagonista indiscusso, sembra intimidito da tutto quel gran grigio, come a voler ribadire anche attraverso il disegno ciò che le parole ci hanno raccontato.

Carla

Noterella a margine: brava, davvero brava,  Giulia Frances a inventare e poi giocare con quella luce ghiaccia.

4 commenti:

  1. chiedo scusa ma nel blog il colore del testo a me risulta grigio fumo, è un po' difficile leggerlo, magari è l'età, anch'io ho superato i 50 anni, gli occhiali li porto ma lo stesso fatico... sarebbe sconveniente usare un colore più 'forte' ?
    comunque grazie

    RispondiElimina
  2. caro anonimo, sarò molto onesta con te. Sono andata nell'impostazione generale del blog per vedere di scurire il carattere 'grigio fumo' che ti disturba la lettura e quando sono stata sul punto di cliccare verso un tono più scuro non ce l'ho fatta. Mi piace troppo questo colore e quindi ho deciso di lasciarlo. Però devi concedermi l'attenuante che il font, il tipo di carattere che ho scelto, Verdana, è invece molto leggibile.
    Continua a seguirci, nonstante tutto
    carla

    RispondiElimina
  3. Mi piace molto questa storia e la tematica che affronta usando come metafora un semplice ombrello! Grazie della segnalazione!

    RispondiElimina
  4. Eccola, Marica, ben tornata! Cominciavo ad essere preoccupata per non vedere più i tuoi commenti ...
    carla

    RispondiElimina