sabato 30 giugno 2012

ECCEZION FATTA


ovvero tutto quello che libro non è ma ci ronza intorno...

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE


Chi l’avrebbe mai detto, che il ‘contatore di curiosi’ ad un certo punto avrebbe cominciato a correre…
Da vero Bruscolo* della situazione, facendo dannare Botolo* come da copione, l’ho presa molto sull’onda del ‘vediamo come va a finire…’, ma giorno dopo giorno, pensiero dopo pensiero mi sono resa conto che il gioco è una cosa seria; questa serietà spero si veda nell’onestà dei contenuti, nel tentativo di costruire un’immagine plurale dell’editoria per ragazzi, spigolando anche in ambiti meno conosciuti e popolari. Fermo restando, da vero autentico Bruscolo, che continuerò a divertirmi con le piccole provocazioni e le digressioni poco ortodosse.
Grazie ai lettori e alle lettrici che ci seguono in silenzio, per la pazienza e la costanza. Grazie ai bimbi e alle bimbe per cui, in fondo, lavoriamo.

Eleonora

Al di qua del monitor le lettrici e i lettori del blog non si vedono. Ed è per questo che noi ce li siamo immaginati per tutto questo anno. Alcuni, più coraggiosi di altri, li abbiamo letti nei rari commenti che, ogni volta che arrivavano, ci facevano sobbalzare e dire, quasi stupite: ma allora ci sono!!! Altri li abbiamo incontrati e ci hanno detto che ci leggono, ci seguono, ci danno retta, ma che per i commenti non si sentivano ancora pronti. Altri ancora ci hanno dato credito, ci hanno chiamato anche altrove 'allo scoperto' per continuare a parlare di libri. Altri sono 'colleghi' con i quali silenziosamente ma costantemente intratteniamo a distanza relazioni di mutua fiducia e stima.
Nel mio ruolo di Botolo però amo essere precisa e allora vi dico che , nonostante io non vi veda per il monitor che ci separa, vi studio e so comunque alcune cose di voi.

Prima cosa che so: siete sempre di più. Una crescita lieve, ma costante. Siete, mediamente, fedeli e tendenzialmente assidui. Abitudinari. Il sabato lo dedicate di solito a far altro: uscire' la spesa? in gita? ma la domenica sera venite di nuovo numerosi a curiosare su cosa è successo nel frattempo nel blog.
I picchi di visitatori sono di solito dovuti a contingenze astrali fortunose e fortunate: per esempio, compare un link che rimanda a noi in FB, in siti o blog molto più 'grandi' di noi...e allora ci sentiamo 'famose'.
Ma a parte le contingenze, i lettori costanti si possono dividere in: nottambuli (sono i miei preferiti, se guardate gli orari in cui di solito posto le recensioni) , ma c'è anche il gruppo dei mattinieri: quella decina che alle 7 sono già passati per una visitina.
So per certo che esperti, bibliotecari, editori, illustratori, autori ci leggono, ma so anche che tante persone che non per professione ma solo per passione si occupano di libri per ragazzi, si interessano a ciò che scriviamo.
Tutti ci usano. Evviva. C'è chi ci legge per tenersi aggiornato, per sapere notizie sulle nuove uscite, c'è chi ci legge per cercare qualcosa ad hoc da leggere con il proprio figlio o da regalare a quella determinata bambina, c'è chi ci legge semplicemente per sapere noi cosa ne pensiamo...per tutti questi noi continuiamo a essere qui!

Carla


* da LA SEDIA BLU, Claude Boujon, Babalibri 2011





E' vero, è proprio passato un anno: il nuovo nocino sta accumulando energia per l'inverno.

Lulli

2 commenti:

  1. Cavoli è già passato un anno? come vola il tempo quando si è in buona compagnia...

    RispondiElimina
  2. Vero. sul tempo che passa sto riflettendo molto in queste ultime ore faticose della mia vita. dodici anni di vita passata con il mio grande cane sono stati intensi, ma a guardarli da qui, oggi, ancora e sempre troppo pochi...

    RispondiElimina