mercoledì 20 febbraio 2013

LA BORSETTA DELLA SIRENA (libri per incantare)

IL CANE CHE RIDE

IO SONO SOLTANTO UN CANE, Jutta Richter
Beisler, 2013

NARRATIVA PER MEDI (dai 7 anni)

 "Da noi in Ungheria c'è una legge, una legge ferrea che dice: di notte il branco deve sempre stare unito. Solo se il branco sta unito è possibile tenere lontani la puzzola delle steppe e lo sciacallo dorato. A che serve un cane pastore in corridoio, se la notte il gatto selvatico entra quatto quatto dalla finestra e li sorprende nel sonno?"

Un cane pastore ungherese, che vive comodamente in una bella casa con Freidbert, Emily e la piccola (una bambina fino a poco tempo fa quadrupede) ma continua ad avere la testa nella puszta, tra le pecore racka, gli sciacalli dorati e i gatti selvatici.
Lui è Anton e questa è la sua storia. E anche quella di tutti quelli che gli girano intorno. Il suo padrone Freidbert, il capobranco, è quello che non vuole concedergli la calda pelliccia d'agnello come giaciglio notturno, ma che testardo vuole vederlo dormire in una rigida cuccia di rametti di salice intrecciato. Emily ha la voce acuta ma il cuore morbido ed è la guardiana delle pentole. Ma la sua preferita è la piccola. Con le condivide la ciotola dell'acqua, i pezzi di formaggio che lei scarta. Con lei gioca, con lei passeggia, con lei si addormenta la notte in cantina. Lei profuma di cioccolata e urla come un manzo e ha le mani morbide come una lingua di cane. Tra atti di eroismo, scuole di addestramento, rocambolesche cene a base di oca natalizia e lotte all'ultimo posto comodo con il gatto di casa procede la vita di questo simpatico cane. Un po' filosofo, molto ironico, con la testa piena di vecchi ricordi, dispensatore di pillole di saggezza imparate dal suo vecchio zio Ferenc, il cane Anton guarda dalla sua postazione ad altezza ginocchio il mondo degli umani e ne sorride. Potrebbe essere diversamente?



Anch'io ho un cane che sorride. Non lo fa sempre e di certo non lo fa quando sente una spiritosaggine. Lo fa sempre quando, al momento del mio ritorno, mi accoglie dall'alto della rampa di scale. Arriccia il naso, alza il labbro e sorride.
È la prima volta che mi succede. E, nonostante siano già passati sei mesi di sorrisi, mi emoziono e mi stupisco come la prima volta che glielo ho visto fare.
Io sono la Emily della situazione: ho il cuore morbido e il mio cane non sa cosa sia una cuccia di salice. Come Jutta Richter guarda il suo Anton e cerca di interpretarne sguardi, atteggiamenti e poi ce li racconta, anche io appartengo a quella categoria umana. Passo il mio tempo a studiare il pensiero del mio cane e lo traduco in linguaggio umano.
Credo che sia l'unico modo che noi abbiamo per entrare in empatia con il 'nostro' animale: guardarlo e cercare di decodificare il suo sistema di comunicazione. La chiave sta nel non voler a tutti i costi applicare i nostri canoni di pensiero a quelli di un cane o di un gatto.
Jutta Richter ci racconta con rara sensibilità il senso profondo che lei attribuisce all'essere cane: una commistione di istinto e adattamento. Odore di cane e profumo di sapone.
Jutta Richter è forse la migliore scrittrice di animali che io conosca. Sempre molto convincente per sensibilità e rispetto di gattosità e canitudine.
Ed è forse per questo che il suo cane sorride...


Carla


Noterella al margine. Il testo suona come una poesia, con una sorta di ritornello che ritorna rassicurante ad ogni conclusione di capitolo. E a proposito di suono, mi sarebbe piaciuto che il titolo avesse suonato così: Io sono soltanto il cane. Un'inezia, potrebbe sembrare, eppure quell'articolo determinativo lo avrei trovato più fedele al senso ultimo del libro, ovvero la vita di quel quadrupede all'interno di quella famiglia di umani.

5 commenti:

  1. La recensione è così poetica che mi ha fatto venire voglia di leggerlo, nonostante la mia dipendenza da gatto. Bambino convive con 3 gatti e Gatto Grosso si considera il suo fratello maggiore. Sa anche sorridere, ma in modo gattesco.
    Ora vado a leggermi qualcosa in più su Jutta Richter.
    Un abbraccio,
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS: sono d'accordo con te sull'articolo determinativo!

      Elimina
    2. cara monica, bello leggerti.
      ero una grande e accanita sostenitrice della supremazia dei gatti rispetto agli altri quadrupedi domestici (bambini compresi), ma la vita mi ha portato altrove e adesso il mio cuore batte forte per i cani.Tienici d'occhio, perché stiamo per sfornare un post 'felino' di alto interesse...
      carla

      Elimina
  2. Tu che dici, ci prenderanno per 'suonate'?
    in tedesco suona così: Ich bin hier bloss der Hund, che tradotto fa pressappoco così: io qui sono solo il cane...
    carla

    RispondiElimina
  3. Nono,non siamo suonate: continuo ad essere d'accordo su "il".
    Sul tenervi d'occhio, vai tranquilla: il link al vostro blog è sulla barra dei *preferiti*. Lo leggo tutti i giorni come il quotidiano! ;)
    Monica

    RispondiElimina