venerdì 13 maggio 2016

FAMMI UNA DOMANDA!


PIANETI GOLDILOCKS


Una vera rarità, un libro di divulgazione per lettrici e lettori sopra i dieci anni. Non è chiaro il motivo, ma per questa fascia d'età, la produzione editoriale oggi è concentrata quasi esclusivamente sulla narrativa, come se i giovani scienziati e scienziate trovassero tutto ciò di cui hanno bisogno per alimentare curiosità ed interessi nei libri di scuola, oppure nella magia della rete. Il risultato è che spesso queste ragazze e questi ragazzi escono dalle librerie e biblioteche a mani vuote e con la sensazione che i loro interessi non siano importanti. Questa scarsità di proposte riguarda in particolare gli argomenti scientifici e storici, ma in generale la saggistica per ragazzi è in netto declino.


Restano alcune produzioni, di stampo piuttosto antiquato, che ricordano le vecchie enciclopedie, qualche meritevole collana, il cui principale editore è Editoriale Scienza, e qualche monografia, uscita fortunosamente dalle fucine editoriali.
Per fortuna ci sono delle eccezioni, spesso provenienti dall'estero, che fanno ben sperare per il futuro; nell'esempio che vorrei sottoporvi c'è la rielaborazione di un modello ben conosciuto, quello, cioè, dei cosiddetti libri dei perché, quei libri che raccolgono curiosità e informazioni di genere disparato, ponendo domande e fornendo risposte spesso non approfondite.
In 100 cose da sapere sulla Scienza, prodotto redazionale della britannica Usborne, abbiamo effettivamente cento argomenti di discipline scientifiche le più varie, esposti con grande chiarezza e capacità di sintesi, senza seguire un ordine particolare, scelta che consente di leggere il libro in modo lineare, ma anche di scegliere di volta in volta un argomento diverso, oppure di aprire il libro a caso.
La particolarità sta in due aspetti: il livello di approfondimento non è elementare, vengono cioè trattati argomenti come la materia oscura, o i principi di statica che consentono ai grattacieli di oscillare, o la struttura atomica. L'altro aspetto rilevante è quello grafico, ovvero le illustrazioni, che fanno parte delle spiegazioni, e l'impaginazione, che consente una lettura 'a colpo d'occhio', intuitiva.


Fra le tante pagine interessanti, mi è parsa divertente quella relativa ai pianeti Goldilocks, cioè pianeti in cui sono presenti le condizioni necessarie per l'esistenza della vita, rappresentazione che ci fa sentire meno soli, ma sicuramente non unici nell'immensità dell'universo.
Altro riferimento stimolante, la pagina in cui vengono paragonati dei testi di fantascienza con successive realizzazioni tecnologiche; e poi il meritato riconoscimento a tutte le persone, ben 25, che hanno reso possibile la realizzazione di questo libro.


In poche parole, moltissimo materiale, molte suggestioni per ulteriori approfondimenti in un libro agile, divertente, attendibile. Per di più, ad un prezzo più che competitivo.
Una bella novità per ragazze e ragazzi a partire dai dieci anni.

Eleonora

100 cose da sapere sulla Scienza”, Usborne 2016



1 commento:

  1. Grazie per la recensione!
    ..e il bello è che uno degli illustratori è italianissimo :) ispirato tanto da quelle vecchie enciclopedie.

    RispondiElimina